www.DirittoAlGioco.net

Ravenna e la cultura ludica partecipata

 

index - introduzione - attività - tema - archivio - gruppo promotore - opinioni - logo

Seminario 27 febbraio 2017

SEMINARIO - Parchi per tutti Parchi inclusivi

giocare asieme oltre le barriere
giocare tutti, giocare senza barriere d'età, genere, abilità, background culturale e religioso ... è un diritto di ogni bambino e bambina sancito dalla legge. nell'immagine un papà con il figlio portatore di disabilità che scivolano al parco inclusivo di Rimini

Si è realizzato con piena soddisfazione dei partecipanti il seminario PARCHI PER TUTTI, PARCHI INCLUSIVI per il diritto al gioco senza barriere, il 27 febbraio dalle 17,00 alle 19,00 presso la sala riunioni dell'ufficio istruzione del Comune di Ravenna

Con il seminario si spera di avere fatto un primo di invito rivolto sia all'istituzione che alla società civile a fare rete per poter realizzare anche a Ravenna uno splendido parco inclusivo, magari come quello realizzato a Rimini, che a giudizio degli esperti sembra essere il più qualificato e coerente con la sua etichetta

Che cosa sono i "parchi inclusivi"?

C'è lo ha spiegato efficacemente Claudia Protti (mamma e blogger che ha realizzato Parchipertutti - assieme a Raffaella Bedetti) con una serie di immagini con testo proiettate e commentate (di cui si invita a visionare la pagina che riassume in modo veramente esplicativo il contenuto - vedi LINK a Parchi per tutti).
L'intervento di Claudia è stato particolarmente prezioso per disvelare le sottili differenze tra parchi inclusivi per etichetta e quelli reali

All'intervento di Claudia è seguito quello del progettista di parchi inclusivi Fabio Casadei (di cui si rinvia il lettore a visionare l'intervista realizzata da Silvia Manzani di Romagna Mamme), che ha condotto la progettazione e la realizzazione del parco inclusivo di Rimini , che è stato di recente inaugurato.
Fabio ci ha introdotto nel processo di progettazione che ha portato lui e che dovrebbe portare tutti i progettisti di parchi cittadini, a relaizzare un magnifico parco cittadino apprezzato dalla popolazione residente, e che in breve è diventato fiore all'occhiello dell'amministrazione comunale, e non per le sue piene caratteristiche di interazione tra gli elementi umani (al di là di ogni barriera) e la natura, integrato nel contesto cittadino della riviera romagnola.
Con la sua presentazione Fabio ha permesso di rendere tangibili le risposte alle esigenze dei portatori di disabilità che interagiscono il più possibile alla pari e con dignità con gli altri/e frequentatori del parco giochi, restituendo ai presenti una maggiore sensibilità verso il tema e soprattutto offrendo un positivo esempio di parco cittadino che funziona, senza nulla togliere alle esigenze del gioco - che trasforma in protagonisti tutti i partecipanti.

RISORSE - Non perdete il link al breve video in cui un bambino spiega che cosa sia un parco inclusivo! ed un altro che compone in forma animata delle immagini con film del parco inclusivo di Rimini Tutti a bordo

claudia protti ingrandimento fabio casadio ingrandimento schema ingrandimento
Includere è di più di integrare, dove si può tollerare la differenza ma senza e necessariamente entrare in interazione con la stessa.
Escludere o rendere esclusivo qualcosa è generare segregazione e mancanza di conoscenza reciproca.
Includere prevede anche di essere presi in considerazione quando si decide e realizza qualcosa, soprattutto se questo qualcosa tocca interessi personali e del bene comune quale lo è l'infanzia, a maggiore ragione se essa deve trovare superiore ascolto di esigenze e necessità come Unicef specificatamente raccomanda nei suoi articoli della Convenzone

Come Tavolo inter associativo a questo primo intervento introduttivo, si vorrebbero fare seguire alcuni altri passi per poter avviarci più concretamente alla realizzazione di un desiderio ambito, quale il parco inclusivo anche a Ravenna.

Ci piacerebbe tornare ad incontrare le istituzioni deputate fino al Sindaco, tanto dell'area cultura/istruzione che dell'ambiente/aree verdi e soprattutto consolidare la rete di organizzazioni che supporta una scelta importante come quella di realizzare un parco inclusivo che abbia tutte le caratteristiche della buona progettazione, che coinvolge i cittadini, tanto nelle scelte che nel generare cultura inclusiva dal basso.

Importante sarebbe organizzare visita guidata al parco di Rimini per "toccare con mano" quanto si è appreso nel seminario. Parco nominato TUTTI A BORDO! che si trova a circa 1 km dalla stazione ferroviaria con percorso a piedi

Si ringrazia per il fattivo supporto organizzativo fornito e della presenza continuativa prestata dall' Assessora Ouidad Bakkali, Mariagrazia Bartolini e Claudia Tessari dell'Unità Pedagogica, con il responsabile aree verdi Enrico Cavezzali; nonchè dell'adesione che ha visto al seminario anche referenti dell'Unione Ciechi Italiani, Distrofia Muscolare, cooperativa Villaggio Globale, cooperativa La Pieve, Solidarietà Fattiva, Legambiente e Zebra Gialla ed Arci.

Si ringrazia ulteriormente gli esperti Claudia e Fabio, per la loro volontaria presenza e disponibilità a collaborare.

invito